è morto Galileo, cavallo da Giostra vincitore di 5 Lance d’oro

Questa mattina è deceduto Galileo cavallo anglo arabo sardo vincitore di ben cinque Lance d’Oro per il Quartiere di Porta Sant’Andrea con Maurizio Sepiacci. Aveva 22 anni e dal 1998 apparteneva al giostratore, sempre biancoverde, Stefano Cherici.
Galileo vantava un curriculum giostresco ed un palmares di vittorie di tutto rispetto: il suo nome rimarrà negli annali della Giostra insieme con quello di Maurizio Sepiacci, con cui esordì il 25 Agosto 1991, lo stesso anno in cui Maurizio lo aveva acquistato (puledro di quattro anni ) nella natia Sardegna.
In coppia con Sepiacci, Galileo ha corso ininterrottamente fino al 1996, firmando le vittorie del 1991, 1992, 1993 ed il cappotto del ’94.
Stefano Cherici lo acquistò nel 1998, e con lui fece le sue prime prove in piazza nel 1999. L’anno dopo, settembre 2000,  l’esordio nella prova generale e la settimana seguente venne prestato a Maurizio per correre la giostra straordinaria in notturna.
Con Galileo Cherici ha mosso i primi passi da giostratore del Quartiere, montandolo fino al Giugno 2003, e vincendo due prove generali, nel giugno 2001 e nel settembre 2002. A queste và aggiunta anche la vittoria nel "Palio delle contrade" di S. Secondo Parmense nel 1998 sempre con Maurizio Sepiacci.
Di là dei numeri che possono essere aridi, conta il fatto che Galileo è stato per il nostro Quartiere un cavallo plurivittorioso, e fino ad oggi si godeva il meritato riposo nelle scuderie del Quartiere, a lui, infatti Cherici era rimasto molto legato.
"Verso Galileo  – afferma Cherici – va tutta la mia gratitudine anche perché, se oggi ho raggiunto gli attuali risultati tecnici e soprattutto il traguardo di correr giostra per il Sant’Andrea, è anche merito suo. Aver avuto un cavallo esperto, per me esordiente,

 

fu davvero utile. Poter contare nella sua esperienza mi dava una marcia in più e maggior sicurezza. Mi sento quindi di dire (consapevole che quando Galileo era al pozzo molti dei nostri sudavano freddo!) che è stato  un Grande Cavallo."