PORTA SANT’ANDREA RENDE OMAGGIO A GIOVANNI SEVERI

cippo Giovanni SeveriAll’indomani della vittoria della Lancia d’oro dedicata all’illustre uomo politico aretino, il Quartiere di Porta Sant’Andrea si è recato con una delegazione a rendere omaggio alla tomba del senatore Giovanni Severi, cui è intitolata la Lancia d’oro, presso il cimitero monumentale di Arezzo, dove è stato posto un mazzo di fiori biancoverdi.

Giovanni Severi: Nato ad Arezzo il 16 aprile 1843 in un’agiata famiglia di intellettuali (fu zio del matematico Francesco Severi), prese parte – come garibaldinoalla spedizione dei Mille e alla II e III guerra d’indipendenza. Laureatosi a Pisa, si dedicò alla professione forense come avvocato penalista. Nel 1881 divenne deputato, collocandosi su posizioni radicali e repubblicane e venendo rieletto per altre sei legislature, non consecutive. Nel 1904 fu nominato senatore del Regno, mentre stava volgendosi verso posizioni meno radicali. Ad Arezzo, sedette a lungo nei Consigli comunale e provinciale, divenendo nel 1902 presidente della Società Operaia. Fece anche parte del Comitato promotore della società ginnastica, della Società dei reduci e del Grande Oriente d’Italia. Morì ad Arezzo il 10 febbraio 1915, ricevendo un grandioso funerale in forma civile, a spese del Comune. Il suo monumento funebre, opera dello scultore Pietro Guerri, è tuttora esistente nel cimitero Monumentale di Arezzo. Gli è intitolata una strada di Arezzo nella zona di Staggiano.